Archive for the 'Puzzi & Co.' Category

Storia di Sissi

Sissi non è una micia, ma una cagnolotta dolcissima che è stata abbandonata nel giardino della sua casa a Roma –zona Acilia, CasalBernocchi. La sua “padrona” ha messo in vendita la casa e ha pensato bene di lasciarla lì e di andare una volta a settimana per metterle acqua e crocchi da mangiare.

Ho ricevuto la sua segnalazione via mail a metà gennaio: l’appello parlava di una cagnetta incrociata con un labrador affamata e abbandonata. Il pomeriggio stesso sono andata a verificare (la casa di Sissi era giusto dietro casa mia)…

Al mio arrivo c’era lei: una cagnolotta bianca con le orecchie buffissime e uno sguardo triste. Era effettivamente abbandonata ma non affamata: mi ero premunita di pappa per cani ma non si è avventata sul cibo come mi aspettavo. E’ stata discreta nel mangiare. E poi ho capito: a Sissi mancava la presenza umana, le mancavano le coccole, le carezze, le parole dolci, l’affetto… Non le interessava troppo del cibo: si metteva sul muretto del giardino per farsi coccolare.
Ma, dal lato pratico, non aveva un riparo. E ha patito tanto di quel freddo che al solo pensarci mi si gela il cuore…

Da quel momento tutti i giorni Sissi aveva 15 minuti di coccole e la pappa fresca: o da Marius o da me (o da Silvia -quando son stata fuori Roma- che ringrazio di cuore).
Qualche volta Marius ha scavalcato per sistemare al meglio il posto in cui lei si riparava: l’alloggiamento della caldaia.
E lo sguardo nel momento in cui andavo via non lo scorderò mai…

E’ entrata in ballo la polizia ecozoofila, prima ancora il NIRDA, ho fatto girare l’appello di Sissi in ogni dove. Volevo trovarle una sistemazione: volevo che avesse affetto come meritano tutti i puzzi del mondo. E lei.. Lei mi è entrata dentro. Forse come Mirtilla.
E anche lei, come Mirtilladelmiocuore, mi ha dato una forza pazzesca. Forza per non mollare, per insistere, per non permettere che mi fermassi davanti a tutti i problemi che inesorabilmente venivano fuori.
Sembrava non ci fosse soluzione: sembrava che Sissi dovesse rimanere in quel giardino…

Grazie a Isa Sissi ha trovato casa. A Modena.
Mercoledì della settimana scorsa Marius ed io abbiamo portato via Sissi dal suo giardino. Lei era un po’ intimorita ma si vedeva che era serena…
Grazie a Cesj la clinica veterinaria ci ha accordato un prezzo ottimo per sterilizzazione e ricovero fino al venerdì successivo.
E poi, dopo un bel bagno secco per toglierle la vecchia vita e farle affrontare alla grande il futuro, Sissi è arrivata con me e Monica a casa di Ale da cui siamo partite sabato mattina per la sua casa. Ad attenderla un signore che la tratterà come una principessa e che non vede l’ora che arrivi!

Venerdì pomeriggio siamo andati a prenderla dalla clinica veterinaria: la dottoressa era letteralmente innamorata di lei. L’ha salutata con tanto affetto, l’ha baciata, l’ha accarezzata e si è raccomandata che i nuovi padroni fossero persone che l’avrebbero tenuta bene e naturalmente a vedere tanto affetto così per questa cagnetta che nessuno voleva mi ha fatto emozionare.
 
Siamo partiti alla volta di casa di zia Ale (grazie grazie grazie di tutto!): Sissi è stata fatta accomodare nella stanza in cui avrei dormito anche io, le abbiamo fatto lo shampoo secco, le abbiamo preparato ciotole con acqua e pappa umida. Il tempo di andare a mangiare e al momento di rientrare in stanza l’abbiamo vista accomodata sul letto che avrebbe diviso con me… Mi ha fatto una tenerezza…

La notte è andata bene: la meraviglia ha dormito con me e ha trattenuto la pipì per tutta la notte (con mia apprensione, lo ammetto).

La mattina alle 6 ci siamo alzate e l’abbiamo fatta uscire per i bisogni. Dopo la colazione siamo partite per il viaggio più importante di Sissi. Io seduta dietro con Lancillotto il dormiente e Sissi sistemata alla grande nel portabagagli della macchina di zia Ale con divisorio.

Durante il viaggio ci siamo fermate un paio di volte per farle fare i bisogni. Lei è stata un angelo. Tranquilla e silenziosa… Scendeva subito quando ci fermavamo ma aveva difficoltà nel risalire in auto (forse qualche doloretto per l’intervento di sterilizzazione).

Siamo poi finalmente arrivati a San Felice sul Panaro: i suoi nuovi padroni sono davvero eccezionali. Avevano preparato per lei una stanza con una cuccia nuova, ciotole con crocchi e acqua e un bel guinzaglio tutti di un bel colore blu! L’aspettavano da giorni e ho visto nei loro occhi l’Amore. L’amore che Sissi non ha mai avuto e che forse non sa neanche della sua esistenza. Vedere il suo nuovo padrone che la chiamava, che l’accarezzava tutta e che le parlava mi ha fatto davvero emozionare. Sissi avrà una stanza tutta per sè, avrà amore, avrà amici pelosi con cui giocare, avrà coccole a profusione e soprattutto avrà presenza umana. Tutte cose che le sono mancate in questi mesi e tutte cose che ogni peloso dovrebbe avere.

Sissi ha guadagnato una vita migliore. Io ho guadagnato la consapevolezza che le adozioni del cuore esistono, che una cagnotta adulta può trovare una casa e amore se solo si crede ai miracoli.

Con Mirtilla avevo iniziato a crederci. Con Sissi ora lo so: i miracoli esistono. E siamo noi a realizzarli: basta crederci. E basta non essere da soli!

Grazie alle mie amiche di viaggio. Grazie per le risate che mi avete regalato: questa giornata è stata davvero bellissima anche grazie a voi. Grazie a Cesj che è stata presente con i messaggi e con la telefonata riassuntiva…
Questo è il mio grazie alle persone che sono entrate in questa storia: persone a cui già volevo bene e che mi hanno dimostrato interesse, affetto, disponibilità e presenza.

Grazie infinite da me.
E naturalmente da Sissi.

Buona vita, Sissi. Ci rivedremo presto! Ti voglio bene e ti porto nel cuore!

Annunci

Il mio “povero” gatto cieco!

Ne ha fatti di progressi Mirto da quando è stato trovato ormai 3 anni fa: era pulcioso, denutrito, disidratato. Aveva gli occhi scoppiati a causa della rinotracheite. E la nostra amica veterinaria che lo visitò appena recuperato dalla strada non gli aveva –e non ci aveva– dato troppe possibilità di salvezza. Ricordo che disse che avevamo fatto una bella azione a prenderlo e farlo morire in casa…

Invece Mirto è uno tosto… E dedica a voi una piccola lap dance in attesa dello spettacolo vero e proprio.
Prossimamente su questo blog!

arrivederci Virgola…

….MiaoCesj…. come mi hai chiesto, sono andata incontro alla Tua Virgola per accoglierla.

Era un pò interdetta perchè nn se lo aspettava….è stato improvviso, nn si è accorta di nulla…ha solo visto che, in un attimo, l’erba verde del prato era diventata un arcobaleno luminoso e scintillante, e ha continuato a passeggiare incuriosita… sentendosi insolitamente forte e leggera

L’ho incontrata a metà del Ponte: si era seduta a guardarsi intorno e stava chiedendosì preoccupata come mai Tu eri svenuta .. e così Le ho spiegato del cane.

Lei del cane nn se ne è neppure accorta perchè stava guardando un fiore che ieri nn c’era e nn capiva perchè tutti potevano raggiungerti e coccolarti in casa ma Lei non riusciva a tornare indietro..

Quando ha capito come mai il prato era mutato senza preavviso si è molto, molto dispiaciuta di nn averti salutata.
Le ho spiegato che potrà parlare con Te ogni volta che vorrà, come ha sempre fatto

Adesso stiamo risalendo pian piano miagolando fra noi, anche per dare tempo al Comitato di Accoglienza di prepararsi.
Non ci vorrà molto: Kiwi e Mirtilla sono già al Cancello.. in attesa.

….Miao Cesj…. Ambralagatta


luglio: 2019
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Annunci